Forum della Compa

tanto per... saperne un pò di più...


Non sei connesso Connettiti o registrati

sfogo......

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 ..... il Mar Mar 24, 2009 11:54 pm

anche se scrivo dall'utenza della vale, sono ale...ho perso la psw e quindi...
Il mio primo post sul forum....avrei preferito scrivere di qualcosa di più leggero, come inizio ma ho sentito l'esigenza di rispondere per primo alla tua domanda e inserirmi sul tuo sfogo. mi ha colpito e in qualche modo riportato a qualche tempo fa quando in un anno ho perso due nonne senza quasi rendermene conto. mi è sembrato di riassaporare quel dolore che credevo sotterrato dai giorni, mesi, anni passati. innanzitutto sè, ti sono vicino e mi spiace tanto. quello che mi sento di dire è che questi, purtroppo sono passaggi obbligatori nella vita di ognuno di noi e che nonostante la tristezza e il dolore che ci procurano ci fanno crescere e esplorare l'insensatezza di alcune sfumature della vita.
Lo so in questi momenti ogni istante ti ricorda quello che in qualche modo suona come una condanna... però. Nulla può evitare che sia così. mi sono ritrovato in tante tue parole, anche io sono affogato nei sensi di colpa per non avere dedicato attenzioni a chi mi aveva cresciuto, avrei potuto fare di più come tutti. non essere troppo dura con te stessa. pensa anche a tutti quei momenti belli trascorsi assieme, alle attenzioni ricevute e a quelle date, ma soprattutto: nessuno è infallibile neanche i medici. non credo ai miracoli ma neanche a chi riesce a calcolare quanti granelli di sabbia mancano alla clessidra di ognuno di noi. la speranza di tutti dovrebbe essere che in qualsiasi momento ci dovremo salutare lo faremo nella maniera meno dolorosa e più dignitosa possibile. la domanda che poni non ha alcuna risposta per quanto mi riguarda. l'unica cosa che mi sento di dire è che per quanto insensata la vita ci da la possibilità di fare tutto quello che vogliamo, vivere è come un viaggio con eventi positivi e negativi che in qualche modo fanno la storia di ognuno di noi. l'importante è non stare a guardare ma fare tutto il possibile perchè questo viaggio sia il più bello possibile e soprattutto senza rimpianti. ti sono vicino, spero che prima o poi tutto ti sembrerà più sensato, senza fretta, attraversando tutte le fasi che eventi così importanti richiedono. ti abbraccio Ale

Vedi il profilo dell'utente

2 Non sempre... ma spesso... il Ven Mar 06, 2009 9:13 pm

Rosty17

avatar
Admin
Buon giorno sè, anzi ormai buona sera...
Son qua a provare a rispondere a ciò che chiedi, ma realemnte vorresti delle risposte?
Non credo... non credo servano sempre delle risposte.
Credo che quello che ti stia accadendo non deve avere ne delle domande ne delle risposte...
Credo che sia giusto che tu non ti ponga delle domande.
Vivi questi momenti e questi attimi, solo dopo tornerai e potrai fare delle domande.

Non ho niet'altro da dire... "NON PORTI DOMANDE, NON ADESSO"

Mi piacerebbe farti compagnia, quando vuoi e conoscere questa "persona piccola e indifesa nel suo letto con 18 coperte che ti guarda con gli occhi... di chi ha vissuto e vuole trasmetterti tutto il suo amore, perchè ha una terrificante paura che non sia la sola a soffrire...

Con Affeto un grosso abbraccio

Vedi il profilo dell'utente http://instabile.forumativo.com

3 Re: sfogo...... il Ven Mar 06, 2009 10:40 am

Mi associo in maniera forse banale al dispiacere rispetto al momento che stai vivendo,ma in maniera sincera.perchè anche io,come molte persone,ti voglio bene.
mi sento troppo piccola nel risponderti ad un quesito troppo grande.a ciò che è troppo definitivo per noi che cerchiamo sempre una soluzione al "vivere",a noi che giriamo continuamente intorno a noi stessi,ossessivamente,per trovare una giusta via per continuare a camminare..
e abbiamo sempre la sensazione di avere tempo,rinunciando ad un sorriso,perchè accartocciati attorno a pensieri a volte inutili,che hanno il potere di togliercelo.
e quando invece quel tempo viene confinato,quando qualcuno gli assegna a sua volta un tempo..veniamo svegliati immediatamente da tutto quel torpore.
e la tua rabbia è del tutto giusta perchè non c'è nulla di più inaccettabile ed...ingiusto del perdere una persona amata.no,non è giusto,anche se è il corso naturale della vita.
se ci pensi noi stiamo insieme agli altri,ma affrontiamo la vita da soli.e quando siamo soli magari pensiamo ad una persona...e ci manca.e quella mancanza non la chiamiamo ricordo solo perchè sappiamo che la sera,o il giorno dopo,o il giorno dopo ancora potremo sentirne la voce,vedere,toccare,parlare con quella persona.
ma di fatto mentre ci manca..stiamo vivendo un ricordo.il ricordo sa di passato,ma di fatto è dentro noi.
ed è la cosa più bella che ci può rimanere,che alimenta un bene immenso...anche se quella persona non c'è più.
e anche se all'inizio c'è solo dolore...quei ricordi che all'inizio fanno tanto male,divengono mano a mano più dolci,parte di noi stessi.
e la persona che tanto ci manca continua ad esserci nel tuo colore dei capelli,o nella forma dei tuoi occhi.ma soprattutto continua a vivere attraverso te perchè sei quella che sei perchè tua mamma è quel è,e sua volta lei lo è...grazie alla nonna.senza contare tutto quello che ti ha "passato" direttamente nello stare con te,nell'amarti.tutto quello che hai imparato ed "assaggiato" da lei.
non è sicuramente "il"senso,ma potrebbe esserne uno.
e che sicuramente in questo momento non ti potrà consolare purtroppo...
ma sono certa troverai un modo per farle sentire la forza di quell'amore che è tutto vostro.
ti voglio bene.

Vedi il profilo dell'utente

4 Il senso della vita.. il Gio Mar 05, 2009 2:24 pm

Tata..
inizio subito col dirti che MI DISPIACE MOLTO CHE TU STIA PASSANDO UN PERIODO DEL GENERE e che MI DISPIACE MOLTO CHE UNA PERSONA CHE TI STA TANTO A CUORE STIA SOFFRENDO.

Non so come consolarti, se non dicendoti che passerà questo brutto momento, che avrà fine e che ti farà crescere. Si, ti farà crescere, perchè come vedi ti sei posta delle domande importanti e le hai esposte ad altri per cercare un aiuto e una risposta a qualcosa che non sai come e da che parte prendere..
Soprattutto non ti DIMENTICARE MAI CHE TI SON VICINO e che ci sono in qualsiasi momento!

In risposta alla tua principale domanda sul senso della vita.. Io credo che ognuno debba darsi una risposta personale, che parte da dentro e ci porta avanti ogni giorno della nostra esistenza. Io purtroppo non posso dirti quale sia il senso della TUA vita. A malapena posso dire il senso della MIA e men che meno di quella degli altri o del mondo intero.. Non c'è un senso unico per tutti, se non il progresso della specie umana di cui facciamo parte.
Io credo in generale che il senso della vita sia LA VITA.
Ma ricorda che la vita te la vivi tu giorno per giorno e se non vuoi arrivare un giorno e dirti "perchè/non voglio/mi son persa.." devi dare luce e importanza ad ogni momento. Non dare MAI NULLA PER SCONTATO! Nulla è scontato. Non ti lasciar scivolare dalle mani un momento solo per pigrizia, altrimenti si che un giorno avrai il rimorso di non aver fatto qualcosa per qualcuno..
Ricorda che ora quel qualcuno ha più bisogno di TE che in qualsiasi altro momento. Anche se è difficile cerca di starle vicino, di passarle il tuo AMORE e la tua FELICITA', di portarle un sorriso. E' di questo che ha più bisogno per arrivare a compiere il suo ultimo passo serenamente.

Ho vissuto anche io lo stesso con la mia cara nonnina Giuseppina.. E anche io rimpiango molto di non esserle stata accanto gli ultimi minuti in ospedale per pigrizia, per la convinzione che non fosse il suo momento e che ci potevo andare più tardi o il giorno dopo. Non ho avuto questa fortuna! MA TU SI. Tu ce l'hai e puoi solo apprezzarla e darle importanza.
Son stata vicino amia nonna durante tutti gli anni di agonia, l'ho vista deperire, perdere la possibilità di comunicare se non solo con gli occhi, e ti dico, un GRAZIE e un TI VOGLIO BENE detto con gli occhi DIVENTA IMMENSO!
E' questo che mi son persa.. E' questo che non ho potuto dirle perchè ormai i9 suoi occhi non avevano più forza nè luce..

Fatti forza!
Non farti vedere piangere o star male o in pensiero.
Devi portarle solo cose belle e farle vivere BENE questi ultimi monenti che non scorrono ma CONTINUANO.

Il senso della vita secondo me è anche questo..
ARRIVARE ALLA FINE SERENAMENTE.

Spero di averti fatto sentire il mio affetto e il mio appoggio "virtuale" e, per un abbraccio, CI SON SEMPRE!


(anche per una birra!) Wink

UN BACIONE ENORME

Vedi il profilo dell'utente

5 sfogo...... il Gio Mar 05, 2009 11:53 am

Buongiorno ragazzi!
come state? spero un pò meglio di me perchè io da qui fino a non so quando mi sveglierò con un unico pensiero in testa.
Voi come reagireste se vi dicessero che vi mancano 2/3 mesi di vita? tranquilli io sto bene..ma qualcun'altro vicino a me no..fino a ieri ero abbastanza tranquilla, fino a quando mi arriva quella maledetta telefonata, quella fottuta doccia fredda e improvvisamente ti casca il mondo addosso.
Che cosa si fa in questi casi? bisogna reagire, farsene una ragione, andare avanti ugualmente perchè così è la vita..vaffanculo!|! io non ci sto! io non ce la faccio a nascondere la rabbia, non riesco a stare a guardare mentre le fottute lancette dell'orologio mi ricordano che il tempo a nostra disposizione si sta esaurendo. Allora vorresti tornare indietro a tutte quelle volte che non hai prestato la dovuta attenzione, a tutte le volte che lei ti chiedeva di andare a trovarla e tu hai fatto la svogliata..se potessi fermare il tempo e tornare indietro..ma purtroppo non si può, l'unica cosa che posso fare è starle vicino il più possibile e fare finta che ogni mattina non c'è quel dannato countdown. Vai da lei e le vorresti dire quanto le vuoi bene, prenderle la mano e dirle di non lasciarti, che hai ancora tante cose da dire e da farle vedere allora speri in un miracolo ma chi vuoi prendere in giro?queste cose non esistono..quindi pensi, in questi casi il tuo cervello continua a girare e a ricordare quelle piccole cose che a pensarci qualche tempo fa non le avresti ritenute di particolare importanza ma ora ti sembrano la cosa più bella del mondo e vorresti condividerle con lei ma non puoi perchè capirebbe tutto e allora la guardi piccola e indifesa nel suo letto con 18 coperte che ti guarda con gli occhi che parlano da soli mentre la malattia la sta mangiando e la sta portando via da te..
E' qui che mi chiedo qual'è il senso della nostra vita? cosa siamo nati a fare? a cosa ci porterà tutta questa sofferenza? qual'è il nostro scopo?
qualcuno ha la risposta? sono tutt'orecchi avanti...
Vi voglio bene ragazzi

Vedi il profilo dell'utente

Contenuto sponsorizzato


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum